martedì 30 ottobre 2018

#CasaDolceCasa - aprile/settembre 2018

Come detto nel post precedente (qui), da quando abbiamo avuto ufficialmente le chiavi da WolfHaus abbiamo potuto procedere con le pulizie,



la sistemazione delle luci e delle prime cose necessarie


e i lavori esterni di cui si è occupata l'impresa CAP.


I primi di maggio sono arrivati i mobili nuovi di cui avevamo bisogno: la camera matrimoniale di Mondo Convenienza,

il tavolo da pranzo di Ricci Casa e le sedie di Franchi Sedie


e la favolosa cucina di FB Arredamenti: tanto bella, spaziosa, tecnologica e funzionale da non sembrarci vera!



Il resto del mobilio rimarrà quello "vecchio", ci riserviamo di vedere come vivremo questi nuovi spazi prima di decidere se rivederli.

E' giunto il giorno del trasloco, il 17 maggio; adesso posso ufficialmente dire che si è trattato del peggiore di tutto il periodo pre-durante-post casa. Se finora abbiamo lavorato con validissimi professionisti, qui siamo cascati proprio su dei totali incompetenti. Mi prendo tutta la responsabilità, perché "quelli del trasloco" li ho vagliati tutti da sola perché Massimo era via per lavoro, ma davvero il titolare mi aveva fatto una bella impressione quando è venuto per i DUE sopralluoghi. Mi aveva parlato di protezioni qui e là, dell'attenzione per il parquet, di tante belle cose e poi… mobili e muri rovinati in più punti, cose sparite, si sono lamentati che la destinazione era più un cantiere che una casa, che gli spazi erano stretti per far scendere e salire i mobili, che se avessimo avuto un'altra finestra avrebbero fatto meglio, … Tutte scuse insomma, perché avevano ben visto da dove si partiva e dove si arrivava. In più, a metà pomeriggio, con due case per aria e gente assolutamente non preparata che traslocava la nostra roba, hanno pure chiamato dall'ufficio per dire che non vedevano ancora il bonifico dell'acconto! Se non avessero avuto "in ostaggio" i nostri mobili li avrei proprio mandati a quel paese immediatamente!  Chiudo qui il discorso perché non ci ho dormito diverse notti e non vorrei dare loro nuovamente questa soddisfazione, ma se dovete traslocare, chiedetemi e vi dirò chi NON chiamare!

Quindi eccoci qui, devastati e per niente sistemati, ma felici della nostra prima pizza d'asporto nella casa nuova!

Quella sera ci ho fatto un regalino (licenza poetica)



Adoro i prodotti Willow Tree, e questo "Mi Casa", insieme al biglietto ispirato al legno con cui è fatta casa nostra e alla frase che ho trovato su internet, mi è sembrato un bel pensiero per questo Inizio.
Sarà stato questo, sarà stato lo stress, sarà stata la stanchezza, sarà stata la nostalgia, sarà stato che dopo una pessima giornata potevamo finalmente fare un punto e a capo, sarà stato tutto l'insieme, ma qualcuno si è commosso e qualcun altro si è commosso nel vederlo commosso. Insomma, un pianto generale! ;o)

Cercando queste idee, ho trovato online anche questo biglietto che mi ha subito fatto pensare a Nicolas, Eva e Chloe che hanno acquistato la nostra "vecchia" casa e che hanno condiviso con noi in questi mesi un sacco di inghippi burocratici che sembravano non finire mai. Ancora una volta auguriamo loro Buona Vita!

Ci siamo anche cimentati in qualcosa di creativo, confezionando un presentino da lasciare a chi ci sarebbe venuto a trovare. 
Ho fustellato la scritta "welcome" con la BigShot,

e messo delle scaglie di sapone di marsiglia in un tulle


che poi abbiamo messo in queste casette che ho trovato su Amazon. Sarebbero portaconfetti, ma le ho trovate azzeccattissime per noi!

Li abbiamo confezionati in un sacchettino trasparente che mantenesse il profumo del sapone.

Tutti insieme erano davvero belli, e a quanto pare sono stati anche graditi dai nostri ospiti!

Dopo esserci assestati un pochino, possiamo davvero dire che qui si sta benissimo, ci sembra di essere in vacanza! Fuori dalle nostre finestre-acquario vediamo sempre bellissimi albe 

e tramonti



e fagiani, lepri, ghiandaie e contadini al lavoro.
:o)
Il silenzio è incredibile e la vita sembra scorrere più lenta, speriamo di non dimenticare in fretta questa sensazione!

Dopo le ferie estive abbiamo portato avanti altri lavori piuttosto fondamentali: un pergolato nella zona giorno (serALL), che essendo a SUD necessita di essere ombreggiata,

la cornice della mia finestrona adorata realizzata dalla falegnameria Gallerani utilizzando il parquet rimasto dopo la posa

e la semina dell'erba.

Adesso che il necessario c'è, possiamo dedicarci alle frivolezze (adesiviAMO)

e all'adattamento dei nuovi spazi alla nostra nuova Vita <3

A presto,

domenica 29 aprile 2018

#CasaDolceCasa - gennaio/marzo 2018 - la fine lavori WolfHaus

Terzo #CasaDolceCasapost relativo al cantiere WolfHaus (i primi qui e qui).

Prima della pausa natalizia il maltempo ha un po' intralciato la realizzazione del cappotto che deve essere fatto in condizioni ottimali, ma a gennaio i ragazzi sono riusciti a terminare

mentre proseguivano i lavori interni di preparazione dei massetti, di ultimazione degli impianti e delle finiture.



A febbraio sono arrivati i piastrellisti, ed è stato davvero meraviglioso vedere pavimenti e rivestimenti prendere forma.


A marzo abbiamo anche rivisto la neve;

fortunatamente i lavori restanti sono per lo più interni e in teoria il tempo dovrebbe volgere al meglio.
Elettricisti ed idraulici si sono alternati per gli impianti e i bagni e gli ultimi giorni sono stati una continua emozione.



Tocco finale, i falegnami per la posa di porte interne, battiscopa e parquet.
Mi sembrava di avere Geppetto in salotto,

o meglio ancora LUI, con quella cassettina piena di attrezzi tutti in fila ordinati; lo ricordate qui?

Adesso la casa ha davvero l'atmosfera che volevamo: lineare, luminosa e accogliente come l'avevamo immaginata e addirittura meglio <3


E finalmente, dopo l'intonaco colorato, via anche il ponteggio!


Il 13 aprile, insieme a Gionny e a Giovanni, abbiamo redatto il rapporto di fine lavori e ci sono state consegnate ufficialmente le chiavi di casa!

Da questo momento possiamo procedere con la realizzazione dei lavori esterni di cui si occuperà la ditta CAP costruzioni e prendere possesso della casa per le pulizie e il montaggio dei primi mobili e accessori come i lampadari. 
Insomma, è #CasaDolceCasaNOSTRA!!!

Sembra davvero incredibile poter entrare, con tutto quanto finito, dopo solo 4 mesi dall'arrivo della prima parete.
Vorremmo ringraziare tutti uno per uno, per noi è stato un periodo intenso ed emozionante, e ci siamo sentiti seguiti e sempre più sicuri di aver fatto la scelta migliore.
Chiunque sia passato di e per conto di WolfHaus è diventato di casa, tutti sono stati professionali, competenti, gentili, pazienti e disponibili.
Avremmo voluto fare un elenco di nomi, non un ringraziamento generale, ma temiamo di dimenticare qualcuno; quindi davvero grazie a tutti coloro che hanno lavorato per noi in questo "solo" anno e mezzo, abbiamo realizzato insieme il nostro sogno!
Federica, Massimo, Filippo e Riccardo

mercoledì 10 gennaio 2018

#CasaDolceCasa - giugno/dicembre 2017 - il cantiere WolfHaus

Eccomi a raccontare del secondo semestre del 2017 che ci ha portato tantissime emozioni.
Abbiamo trascorso l'estate in attesa delle lungaggini -tante e davvero stupide a volte- della burocrazia, in più ad agosto l'Italia si ferma per le ferie e quindi è un mese completamente perso.

Intanto si è mosso qualcosa in merito all'urbanizzazione della zona dove sorgerà la nostra casa. Si tratta di un comparto residenziale di nuova urbanizzazione appunto, di proprietà del Consorzio dei Partecipanti, quindi abbiamo visto i progressi quasi quotidianamente: a luglio hanno asfaltato e a inizio autunno hanno ultimato le aiuole, i marciapiedi e i lampioni (che ancora non sono accesi, ma confidiamo li collaudino presto).
Vicinissimo dovrebbe sorgere anche un parco giochi attrezzato, speriamo di riuscire a sfruttarlo prima di avere nipoti ;o)

La nostra sarà via Dalferro, cognome di una delle famiglie originarie Partecipanti (ne faccio parte orgogliosamente anch'io, anche se ho perso ogni diritto in quanto donna che ha sposato un nonPartecipante).



La ditta CAP Costruzioni ha potuto cominciare i lavori di accantieramento e di scavi per le fondazioni l'ultima settimana di ottobre.

La neve di novembre ci ha messo un po' di pressione e di timore di non essere pronti, infatti WolfHaus non guarda a che meteo ci sia (sono abituati a ben peggio!), hanno detto che arriveranno il 20 di novembre e così sarà.

L'emozione è davvero tantissima, simile alle montagne russe: un giorno sei al settimo cielo, quello dopo sei incacchiato con la burocrazia, il successivo vedi un po' di luce, poi pensi di aver dimenticato qualche particolare, poi salta fuori qualcosa di italiota da pagare che non avevi previsto, ma un minuto dopo ti mandano un cronoprogramma dettagliato alla giornata da cui evinci che a fine marzo (QUATTRO MESI DOPO IL LORO ARRIVO) ci consegneranno la casa…
Siamo sempre più convinti di aver fatto la scelta giusta: l'organizzazione e il modo di lavoro sono esattamente quello che cercavamo, perché gli imprevisti sono già abbastanza senza anche aspettare i capricci del meteo e che qualcuno abbia tempo e voglia di ascoltarti per un "ciappino".

Ogni giorno siamo passati in cantiere, anche a vedere niente di nuovo, ma era più forte di noi! 
L'organizzazione di WolfHaus è impeccabile, i loro cantieri sono ben programmati perché le strutture delle case sono preparate in azienda, arrivano sul posto pronte per essere montate; e poi i ragazzi che vi lavorano sono trasfertisti, quindi hanno le uscite prenotate e ben calcolate.
E come promesso, il pomeriggio del 20 novembre sono arrivati con il primo camion, e noi crediamo sempre di più che le coincidenze significhino qualcosa ^_^

Nella fitta nebbia e al calare della sera, hanno preparato le fondamenta per l'arrivo delle pareti della mattina successiva.
Da questo momento il nostro riferimento sarà Gionny, che non finiremo mai di ringraziare per competenza, precisione e pazienza.

La mattina di martedì 21 novembre è arrivato un bastimenti carico di… PARETI!

E' davvero stranissimo e quasi incredibile vedere la propria casa arrivare su camion enormi, in queste piccole stradine della bassa. Siamo stati un po' l'attrazione del paese, e qualcuno si è anche divertito ad accompagnare gli autisti sul posto perché si erano persi per le nostre campagne :o)

La giornata promette bene anche per il meteo, e i lavori procedono davvero speditamente. 
Avete mai visto volare pareti? Pensate che effetto quando sono le VOSTRE pareti! <3

Noi abbiamo scelto l'opzione "chiavi in mano", quindi alla consegna la casa sarà perfettamente funzionante e abitabile, mancheranno solo gli arredi. 
Con WolfHaus si può scegliere anche il "grezzo avanzato", ma anche in questo caso l'azienda fornisce le pareti con gli infissi; ciò consente di avere non solo una parete finita certificata, ma anche una casa chiusa senza possibilità che resti mesi soggetta alle intemperie, rischiando di rovinare la struttura.

Per non parlare del fatto che non avremo in cantiere brutte e pericolose gru per tanto tempo, come accade per l'edilizia tradizionale.
A metà pomeriggio abbiamo visto piazzare il solaio del piano terra

e alla luce di lampadoni la serata si è conclusa col soffitto piazzato.

Il giorno dopo, con le stesse veloci e altrettanto precise modalità, sono arrivati al tetto



e al venerdì sera c'era effettivamente una casa dove lunedì non c'era nulla!

Non potete immaginare come ci si senta bene ad entrare in casa col profumo di legno e dove la temperatura sia già confortevole, nonostante il novembre inoltrato e ci sia ancora solo il grezzo.
Le proporzioni ci sembrano ancora strane, ma ci sentiamo già a casa nostra; le nostre idee si stanno concretizzando in brevissimo tempo

e siamo definitivamente innamorati di queste favolose finestre!


Abbiamo fatto qualche faticoso week end a pulire il cantiere (WolfHaus non se ne occupa e abbiamo cercato di arrangiarci un pochino), anche con tempo non clemente. Per queste operazioni dobbiamo assolutamente ringraziare mio papà Angelo per la collaborazione sul posto, mia mamma Franca per gli svariati babysitteraggi, la PoLiform per il prestito dell'indispensabile furgone e Stefano per il grande aiuto -non immagina nemmeno quanto- nello sgombero.

Fino alla pausa natalizia carpentieri, elettricisti e idraulici hanno lavorato alacremente per rispettare la tabella di marcia, e a parte qualche dettaglio per cui ci hanno chiesto un parere, non abbiamo dovuto pensare a nulla. Ogni squadra è arrivata con un planning ben preciso, ben sapendo cosa fare e dove, hanno lavorato dal mattino presto fino a sera tardi, accontentandosi di pasti veloci e di tea e caffè solubile che avevo portato insieme a un bollitore.
Sono diventati ragazzi "di casa" ;o)
E Gionny ha quotidianamente supervisionato il tutto con tanta professionalità.

Mentre io e Massimo siamo sempre più felici della nostra scelta, Filippo e Riccardo si stanno pian piano facendo un'idea concreta di quello che finora era solo teoria. Il vedere nascere tutto così in fretta credo sia stata per loro -ma anche per noi- una rassicurazione del fatto che non fosse completamente un salto nel buio. Finalmente anche loro sono contenti di vedere la loro camera, nuovi spazi e nuovi panorami.


Finisce così il nostro 2017; quest'anno come non mai non vediamo l'ora che arrivi la primavera!
Al prossimo #CasaDolceCasapost!
:o)